fbpx

taglia reggiseno: come si sceglie?

Indice dell' Articolo...

Come trovare la misura perfetta del proprio reggiseno

Quando vai ad acquistare un reggiseno, oltre a cercare tra le fantasie e le tipologie che più ti piacciono, cerchi la tua taglia;

generalmente chiedi una 2ª, una 3ª o una 4ª pensando alle misure come ad un metro di paragone con la grandezza del seno.

Ti sarà capitato, infatti, anche parlando con le amiche, di affermare che hai un seno piccolo e quindi indossi una 1ª, o al contrario che hai una taglia abbondante e devi scegliere reggiseni di 5ª.

In realtà, ogni donna è fatta in modo diverso, con proporzioni diverse, e se vuoi trovare la misura perfetta è necessario che tu valuti più di un parametro.

Innanzitutto devi procurarti un metro da sarta e misurare la circonferenza del sotto-seno, di cui avrai un risultato in centimetri.

Il secondo valore, altrettanto importante, è la misura della circonferenza del seno, che devi misurare all’altezza del capezzolo; anche in questo caso avrai un determinato risultato in centimetri.

La prima misura indica la taglia, taglia che in commercio si può trovare dalla 1ª fino alla 10ª. La seconda misura – importantissima, quella che di solito non viene considerata – indica la misura della coppa.

La coppa seno va dalla A, per indicare un seno di volume molto piccolo, e arriva a valori come la D, E, H.

Nei negozi specializzati è possibile trovare coppe fino alla J, per le quali ovviamente più si va avanti con le lettere dell’alfabeto e maggiore sarà la grandezza della coppa del seno.

Queste misure sono molto importanti perché i modelli di reggiseno standard non corrispondono quasi mai alla tua personale figura; difatti, puoi avere un torace ampio ma un seno piccolissimo o viceversa un torace stretto e un seno abbondante.

È qui che entra in campo quella che viene definita la “corsetteria calibrata”, ovvero la soluzione per trovare la misura perfetta per qualunque tipologia di struttura.

Non pensare che la corsetteria calibrata sia un qualcosa di antico come l’intimo delle nonne o di quello che non va più di moda.

In realtà le case di moda realizzano questo tipo di capi proprio per mettere in relazione le due misure fondamentali che abbiamo menzionato prima e creare reggiseni che vestano alla perfezione.

In pratica, che soddisfino le molteplici e diversissime esigenze di ogni donna.

La confusione nasce soprattutto perché in commercio si trovano misure di reggiseni standard, le cui coppe sono generalmente solo B, C oppure al massimo D, e dove la A molto spesso è praticamente inesistente.

Quindi l’offerta è troppo compattata e le consumatrici, giustamente, credono che non esistano alternative.

Niente di più sbagliato, fortunatamente! Una volta capite bene le tue misure e le tue proporzioni in centimetri – più avanti troverai il metodo per calcolarle alla perfezione – è molto probabile che ti orienterai verso le cosiddette “coppe differenziate”. Che è sinonimo di “corsetteria calibrata”, in sostanza.

Ti è mai capitato che in negozio ti proponessero un reggiseno con coppa differenziata? Se sì, avrai notato una cosa, ovvero che questo tipo di reggiseni ha sempre il ferretto. E magari hai scartato a priori l’acquisto perché a te il ferretto non piace, o lo trovi scomodo.

In realtà, come vedrai spiegato meglio più avanti, il ferretto dà fastidio solo se indossi la misura sbagliata! Ricordati di questa preziosa indicazione, quando dovrai esaminare l’opportunità di acquistare un reggiseno dotato di ferretto.

Come capire quando sbagliamo la misura del reggiseno

Sapevi che ad oggi l’80% delle donne indossa un reggiseno della taglia sbagliata? Sembra incredibile ma è proprio così. Vediamo in che modo puoi capire se la taglia del reggiseno che stai indossando non è quella giusta.

Analizziamo la coppa: se, una volta regolati gli spallini e chiuso il laccio del torace, la parte superiore del bordo della coppa è troppo piccolo, questa andrà a “tagliare” il seno. Lo puoi notare subito perché una parte di esso sborderà dal reggiseno, creando un antiestetico rigonfiamento, detto doppioseno, visibile sotto ogni tipo di maglia o abito.

Se il reggiseno in questione ha il ferretto, ed è di una misura troppo piccola, noterai che il ferretto non va ad abbracciare completamente la parte esterna del seno ma si impunterà nella parte laterale. Tra l’altro in questa zona del seno vi sono i linfonodi e bisogna evitare il più possibile di causare traumi da compressione. Se il reggiseno col ferretto invece è troppo grande, ti ritroverai con un fastidioso puntellamento che può arrivare fin sotto l’ascella, e che ovviamente non va bene.

Se, contrariamente, hai indosso un reggiseno che è giusto di coppa ma troppo grande di torace, vedrai che il laccio posteriore tende a salire. Per migliorare la sostenibilità del seno ti ritrovi ad accorciare il più possibile gli spallini, ma questo non è un modo corretto di portare il reggiseno, perché a lungo andare si andrà a creare un arrossamento della spalla. Se protratto abitudinariamente, puoi anche incorrere in veri e propri micro-solchi, e conseguenti problemi di dolore alla cervicale, alla schiena e al collo.

Se invece hai indosso una taglia troppo stretta di torace/sottoseno, vedrai che nella zona subito sotto l’ascella e dietro la schiena si creeranno dei “rotolini” di ciccia, sempre molto antiestetici da vedere sotto qualsiasi capo d’abbigliamento. Non solo, in questi casi potrai avvertire un fastidio molto intenso nella parte coinvolta, tanto da farti desiderare di toglierti il reggiseno il prima possibile.

Un altro trucco per capire se la taglia del reggiseno è sbagliata è guardare al laccetto posteriore. Se la misura è giusta, quando indossi il reggiseno per la prima volta devi sentirti comoda quando lo chiudi al gancetto più esterno. Se per sentirti più sostenuta ti viene di stringere la circonferenza e quindi usare i gancetti più interni, significa che la taglia del reggiseno è troppo grande.

In sintesi, se il reggiseno ti lascia segni sulla coppa, sulle spalle, sul torace o nella zona appena sotto le ascelle e non ti senti a tuo agio indossandolo, significa che non è della taglia corretta per te.

Semplici passi per calcolare la taglia e la coppa del reggiseno

Come anticipato all’inizio dell’articolo, per capire la tua taglia di reggiseno perfetta devi eseguire due misurazioni con un metro da sarta. Per misurare il sotto-seno, e quindi stabilire la taglia, devi circondare con il metro questa zona.

Fai attenzione ad essere in posizione eretta e ad apporre il metro il più parallelo possibile sia davanti che dietro.

Se infatti lo posizioni troppo in alto o troppo in basso anche da un lato solo avrai una misura sbagliata.

Considerando che il metro da sarta non è elastico come il tessuto dei reggiseni, prendi la misura stando piuttosto stretta.

Il risultato ottenuto in centimetri ti darà l’indicazione della taglia:

  • 68-72 cm. = 70 EU = Taglia Prima
  • 73-77 cm. = 75 EU = Seconda
  • 78-82 cm. = 80 EU = Terza
  • 83-87 cm. = 85 EU = Quarta
  • 88-92 cm. = 90 EU = Quinta
  • 93-97 cm. = 95 EU = Sesta


E così via, dove ogni scarto di circa 4-5 cm. rappresenta un’ulteriore taglia in più.

Anche se vi sono in etichetta altri parametri, il riferimento alla taglia europea (EU) è generalmente il più facile da calcolare,

poiché espresso in centimetri.

Adesso prendi la misura del volume del tuo seno: indossa un reggiseno morbido e non imbottito che dia un buon sostegno,

ma che non sia push-up. Mettiti in posizione ben eretta, con le spalle dritte: prendi un bel respiro e misura.

Contrariamente al metodo per misurare il torace, per il giro seno devi stare più morbida e non stringervi troppo il metro da sarta.

Il risultato è un ottimo punto di partenza per capire qual è la coppa del tuo seno.

Ma attenzione, devi anche considerarne la forma, l’ampiezza e l’attaccatura.

Se ad esempio hai un seno asimmetrico, particolarmente grande e rotondo, o che si sviluppa di più nelle parti laterali,

usa questo trucchetto: piegati leggermente in avanti e procedi ad una seconda misurazione.

A questo punto avrai ottenuto un’ulteriore misura, che è quella giusta. Ed è arrivato il momento di fare un po’ di… calcoli matematici.

Prendiamo ad esempio che la tua misura di torace sia 75 cm. mentre il tuo giro seno sia 84 cm. Procediamo con la formula:

  • 84 cm. – 75 cm. = 9 cm.


Il risultato va a definire qual è la tua coppa, dove ogni 5 cm. circa di scarto vi è una coppa diversa. Ecco uno schema generale:

  • Differenza inferiore ai 5 cm. = Coppa A
  • Differenza dai 6 ai 10 cm. = Coppa B
  • Differenza dai 10 ai 15 cm. = Coppa C
  • Differenza dai 15 ai 20 cm. = Coppa D
  • Differenza dai 20 ai 25 cm. = Coppa E


Naturalmente anche se con le misure precise si arrivano a capire la taglia e la coppa, vi sarà sempre la differenza tra un modello di reggiseno e l’altro, che dipende dalle case di moda produttrici e dalla tua personale sensazione quando indossi un capo piuttosto che un altro.

Questo è uno schema per capire quale sia la misura da chiedere quando entri in un negozio, e ti può essere utile anche quando guardi le etichette dei reggiseni esposti sullo scaffale.

Prima di fare qualsiasi acquisto, prova ad indossare il reggiseno che hai scelto, per avere la conferma o meno che si tratti proprio di quello che fa per te.

Quando l’avrai trovato, non potrai fare a meno di notare dei piccoli “miracoli”:

con la misura giusta, il seno anche se piccolo acquista volume, forma e rotondità naturale, che va a riproporzionare tutta la silhouette.

I seni più grandi, invece, risulteranno più compatti e potrai anche avere la sensazione che siano più piccoli.

Questo avviene perché con il reggiseno giusto il seno si modella, viene sostenuto correttamente ed essendo sistemato nell’altezza giusta garantirà una vestibilità più lineare anche dei capi d’abbigliamento.

Incredibilmente, tutto il corpo acquisisce un equilibrio diverso.

Quando si parla di taglia giusta di reggiseno quindi, non si va a guardare solamente il comfort di un capo di vestiario ma di tutto un insieme che va a modificare il portamento e a migliorare anche il benessere generale di tutta la parte superiore del corpo.

Altri Articoli da leggere….

Alcuni reggiseni che ho provato:

I più letti...

makeup

TINTE PER SOPRACCIGLIA

La colorazione delle sopracciglia è importante poiché mette in risalto lo sguardo, e nel contempo permette con un tempo di esposizione brevissimo di definire una

perizomi

perizomi

Il perizoma è considerato il capo femminile più sexy, utile da portare sotto i pantaloni stretti e praticamente invisibile. Le sue origini sono davvero molto